Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2016
                                       Signor Presidente del Senato della Repubblica,

squarci di “Se questo è un uomo” di Primo Leiaffiorano alla mente, mentre siedo in seconda fila, in uno dei banchi della tribuna riservata ai cittadini, assistendo, per una smilza manciata di minuti, ai lavori dell’Assemblea, che Lei presiede. Avverto, infatti, un profondo disagio,provo l’inquietantesensazione di essere stato deprivato della condizione di cittadino e di ritrovarmi con quella spregevole di suddito.E mi impongo di non svenire per la nausea umana e politica. Faccio parte di una comitiva di cinquanta pugliesi, partiti dalla nostra Regione alle prime ore del mattino e giunti a Roma dopo cinque ore di viaggio in pullman.  Prelevati da due agenti della Polizia di Stato da Piazza Cinque Lune, dove si tiene una manifestazione del Movimento 5 Stelle, raggiungiamo uno degli ingressi di Palazzo Madama.  Cospicue Forze dell’ordinein divisa ed in abiti civili ne presidiano il territorio. Scrutano…